Advertisements

Amici 16 secondo serale: De Rerum fallocraticum Pongatio

Un riassunto ironico del secondo serale di Amici di Maria de Filippi 16

 

Maria de Filippi pongo fallo

La seconda puntata dello speciale serale di Amici di Maria de Filippi comincia come suo solito, con Maria che ci presenta tutti: Morgan, Elisa, le squadre e la giuria.

Finalmente Maria de Filippi ha insegnato le regole di “pari o dispari” anche a Morgan, il quale, oltre ad averle capite, tenta d’imbrogliare.

DE RERUM FALLOCRATICUM PONGATIO

Parte la sfida, ed Elisa sceglie subito Riki con il suo inedito “Diverso”.  Riccardo Marcuzzo cerca di esprimere un significato meta testuale tramite la gestualità, peccato ciò non venga colto da alcuno. La mia convinzione che egli abbia dei contenuti più interessanti rispetto a quelli che poi esprima, si rafforza. Urge insegnargli l’italiano, perché quel ragazzo vuole comunicarci qualcosa ma non è in grado di farlo.

A sfidarlo vi è Sebastian Melo Taveira con la prova: “Questo sono io” , altrimenti soprannominata: “Punto garantito”Sebastian, al contrario di altri, non ha ammorbato nessuno con la sua storia triste, rendendo evidente che è possibile partecipare ad un programma televisivo senza svendere il proprio dramma al Pongo. Seba non versa una lacrima mentre Maria legge, e la sua lettera al padre morto risulta meno indigesta e strappa-lacrime di tutte le altre, compresa quella di Shady (a cui piacciono sia il cioccolato che la musica ed ha avuto una famiglia serena e felice). Anche la coreografia proposta dal Melo è carina, come fu per Andreas, sicuramente migliore di quella affibiatagli da Giuliano Peparini (che ai ballerini della squadra bianca ha affidato i quadri meno scenici e privi di tematiche sociali attira-voto).

La seconda prova è duetto con ospite. Casualmente è Ambra Angiolini a richiederla, e per motivi altrettanto aleatori l’ospite è Francesco Renga.

Renga canta con Shady, mentre la contro parte schiera Fabrizio Moro e Federica CartaMoro non si fila di striscio Federica Carta (ma ciò non impedisce alla Paper di montargli in groppa a fine esibizione), mentre Shady Fatin Cherkaoui dimentica una frase della canzone. Non se ne sarebbe accorto nessuno, ma lei ci tiene a renderlo evidente, dunque si porta le mani alla bocca e sgrana gli occhi. Ci manca pochissimo che si metta a gridare: “OOOPS HO SBAGLIATO”.  Lo sbaglio di Shady non desta particolare clamore, poiché nessuno, né da casa né dal pubblico in studio, è interessato alle due esibizioni. L’evento è Francesco Renga ed Ambra Angiolini nello stesso studio. Anche i cameramen sono troppo impegnati a cercare di beccare i loro sguardi, e dimenticano di filmare le due cantanti.

Nel pubblico vi è una claque pro Federica, probabilmente più dovuta a Moro che alla stessa, e Morgan ne aprofitta per incitarli a tifare un po’ anche i bianchi.

Ambra, rea confessa, ammette di guardare i day time. A lei il programma piace proprio sinceramente, e se lo guarda anche nel tempo libero. L’Angiolini non si limita a rivleraci ciò, che sarebbe di per sè, già abbastanza sconvolgente: ella stampa nella sua memoria persino le strambe considerazioni sulla musica, e la vita, fatte da Elisa durante le sue lezioni ai blu.

Parte una bagarre sul nulla fra Morgan e Rudy Zerbi nella quale Morgan non riesce (ma manco si sforza)  a celare la propria antipatia nei confronti di Rudy. Prima gli dice che è un noto cazzaro, poi gli chiede di tirar fuori il calcio Balilla e fare una partita( e anche di mangiarsi la Luisona davanti a tutti).

È l’ora della terza prova, quella a voto segretato, ed ocorre far entrare il giudice speciale: Matt Dillon. Ricordiamo che secondo Rikkardo “Matt”! sarebbe un imperativo italiano. D’altra parte egli è altresì convinto che anche “Damon” sia un verbo italiano facilmente trasformabile in imperativo (tramite l’aggiunta di un punto esclamativo finale). “Ora tutti Damon”! Chiaro no?

A giocarsi il punto sono Andreas Müller (con un quadro sulla violenza domestica, ideato appositamente affinché un giudice a caso potesse identificarcisi)  e lo Strego (con La canzone di Geppetto).

Morgan, nel presentare la canzone affidata allo Strego, con un abile giro di parole, riesce a fingere che anche la storia di Pinocchio abbia, di fondo, una tematica sociale legata ai padri di famiglia, all’amore, l’anima e il disamore.

Amici 16 secondo serale scherzo ad Elisa

Al fin di smorzare la tensione (creatasi da un nuovo delirio di Morgan) Nostra Signora dell’Iprocrisia manda in onda l’RWM con lo scherzo ad Elisa: un evegreen da quando Elisa ha firmato il contratto indeterminato come Vocal Coach ad Amici. Anche questa volta lo scherzo non fa ridere nessuna persona dotata d’intelletto, anzi, fa sorgere qualche dubbio sulle facoltà mentali di Elisa.

La buffonata consiste in una finta perquisizione della borsa di Elisa (sapientemente dimenticata da Emma),  piena di mutande commestibili, altri articoli da sexy shop e CD piratati.

Dopo una qualche esibizione soporifera ( con protagonista la Paper), arriva l’ora di mostrare il litigo Morgan- Squadra bianca (eccezzion fatta per ballerini + Thomas Bocchimpani).

Nel video vediamo un  Mike Bird contrariato, egli non sopporta le assegnazioni del suo giudice (Beatles- BlackBird e Pink Floyd- Hey You). Il genio contemporaneo della musica amiciana, colui che pensa solo a cantare e polemica non ne fa mai (cioè, a detta delle sue fanatiche ma anche di suo padre), Michele Merlo, palesa tutta la sua ignoranza nel non conoscere la storia della musica. Ad ogni modo alla fine Mike Bird risulta bravissimo e canta BlackBird. Ora alunno e maestro si vogliono di nuovo bene, e Mike ha imparato dai suoi errori uscendone più forte ( fanatica cit).

… Che la tattica di Morgan d’attaccare i componeneti della sua stessa squadra per suscitare empatia nel pubblico sia stata rivelata da lui stesso, qualche anno fa, negli studi di X-Factor, è cosa ignorata dal pubblico amiciano, che, ovviamente, crede a tutto il teatrino partecipandovi con grandissimo trasporto emotivo.

Maria de Filippi Amici 16 secondo serale Pongo fallo

Maria si accinge a prendere il Pongo bianco al fin di completare la sua opera

La pausa fra le due manches è l’evento più importante della serata: Maria, abbraciando Matt Dillon da dietro, modella del PONGO a forma di FALLO (eiaculante). Lo fa. Lo fa davvero (perché essere auto referenziale le piace sempre) e, anzi, in fase di post produzione non pensa di dover tagliere questo spettacolo raccapricciante. Maria-Pongo-Fallo sono infatti le parole chiave con cui cercare notizie riguardanti il secondo serale di Amici di Maria de Filippi 16.

La seconda manche ci regala coreografie un po’ più carine rispetto alla prima, anche perché Peparini s’è fatto da parte per lasciar curare la variazione classica di Oliviero Bifulco (o Oly, come lo chiama Garrison) ad Alessandra Celentano. Alessandra Celentano non è certo la coreografa migliore del mondo (anche perché altrimenti non sarebbe professoressa ad Amici da sedici anni), ma nelle sue coreografie i ballerini ballano effettivamente, che dall’avvento Pep non è più cosa da dar per scontata. Inoltre, non viene mascherata l’incapacità tramite gente appesa al soffitto, letti fluttuanti, nubi di fumo o luci stroboscopiche.

A contrapporsi ad Oliviero vi è Cosimo, e, a parer mio, è decisamente lo spettacolo più bello vistosi nel corso della serata. Così come il trittico di ballerini schierati sul finale (Sebastian, Oliviero e Andreas, ordine non cronologico) ha risollevato un po’ la penuria di esibizioni vocali degne di nota.

Morgan regala qualche perla che verrà, da ora in poi, per sempre usata al fin di sfottere lo Zerbino (e relativi supporters): “Rudy ha scritto un libro, s’intitola: Il buio in testa”, “Nonostante il pubblico si riesce comunque a fare questa trasmissione”.

Maria de Filippi, osservando inarteMorgan (inveroMarcoCastoldi) alzarsi per mandare affanculo tutto il pubblico,  sente di dover intervenire. Assicura che dietro le quinte Morgan e Rudi siano migliori amici, e ci rivela sia stato proprio Zerby a mettere in contatto lei e il Castoldi. Su quest’ultima frase nessuno nutre dubbi: è la presunta amicizia fra il direttore di una casa discografica e gli artisti scritturati da essa a non essere troppo convincente.

LP duetta sia con Shady che con Federica, poi si passa al “Questo sono io”  di  Riccardo.

Scopriamo che Riki non piace manco a sua madre, la mamma di Riki schifa: “Sei mia” e le altre sue canzoni. In seguito il Markuzzo le dedica la sua nuova canzone. Si tratta decisamente del suo inedito più carino, forse anche l’unico del suo repertorio ad assomigliare ad una canzone pop normale (probabilmente anche grazie allo zampino di Elisa).

N.B: La graduatoria di apprezzamento di un inedito è sempre riferita alla media amiciana per cui piangere durante l’esibizione significa interpretare bene, e gridare molto nei ritornelli essere vocalmente molto dotati.

I bianchi sono in svantaggio, Morgan decide di usare la Magic Ball anche se non ha idea di che scopo abbia (a parte catturare Charizard). Questa decisione gli costa la partita (il cui risultato non è assolutamente stato deciso dal Pongo in antecedenza).

Il Castoldi raggiunge allora  lo Strego nei camerini, dove gli fa un discorso dal quale è subito chiaro che sarà lui l’eliminato della serata. Da ciò, per l’ennesima volta, ne consegue che vittorie/sconfitte ed eliminazioni (nonche lo stesso vincitore finale) siano già decisi in partenza.

Non è una cosa che dovrebbe sorprendere alcuno, dato che succede da sedici anni (dal primo vincitore della storia del programma Dennis Fantina), ed invece ha subito scatenata la rivolta degli indignados, ora costretti ad accettare che la televisione e la realtà siano due cose distinte.

Advertisements


Categories: Amici 16, Amici di Maria De Filippi, Il serale, Ironico, Maria de Filippi, Talent Show, Televisione

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 reply

Trackbacks

  1. Amici 16 il serale, terza puntata: il delirio di Morgan

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: