Advertisements

Amici 16 sesto serale: poesie dadaiste e cambi di regolamento

La sesta puntata del serale di Amici è andata in onda in contemporanea alla registrazione del settimo serale, unicamente perché Maria de Filippi, grande sociologa, ha voluto racchiudere in un’unica serata tutti i deliri dei suoi telespettatori (e passare il ponte del Primo maggio fuori dagli Elios).

Amici 16 Emma divaricatore bocca

Il sesto serale di Amici inizia con il solito giochino in cui Elisa ed Emma si ridicolizzano di fronte a tutto lo studio e ai ragazzi che dovrebbero guidare, istruire ed aiutare, perdendo così (di sabato in sabato, edizione dopo edizione) tutta la loro credibilità. Vi sono anche gli scherzoni della produzione a contribuire alla perdità di dignità delle due cantanti, ma solo in rari casi si raggiungono tramite questi le vette umilianti toccate dal “Chi comincia”?

Elisa ed Emma vengono costrette da Mother Mery a cantare delle canzoni per bambini sulle note dei loro successi, mentre per il testaocroce relativo alla seconda manche esse, impedite da un divaricatore bocchiale, debbono far comprendere alla propria squadra degli scioglilingua ( fortunatamente hanno entrambe la premura di porre una mano davanti alla bocca, al fin di non mostrate tutte le loro carie al pubblico).

Lo scherzone vede le vocal coach intente e recitare poesie dadaiste, ma nesssuno, manco il Pongo, sappia cosa sia il dadaismo, dunque vengono proposte come poesie dai testi al limite dell’assurdo. D’accordo, i dadaisti erano un movimento al limite dell’assurdo (e la sequenza gatto gatto gatto topo buco nero buco topo, è più paragonabile al delirio che a Dada) ma quanto scritto sopra resta una palese verità.

Il culmine della serata viene raggiunto grazie a Riccardo Marcuzzo e una polemica fomentata soprattutto da Maria de Filippi. Riki si esprime, male, come al suo solito, cercando di spiegare quanto si sia sentito più tranqullo a cantare senza pensare ai giurati e a chi avrebbe ottenuto il punto. Maria insiste sulla poca importanza che abbia il prendere o meno il punto, tanto le sorti di ognuno sono già decise.

Riccardo fra un: “certo”, “certo” e un: “quello sì senza dubbio”, si lascia un po’ troppo andare, e finisce, immmotivatamente, ad insultare i giurati che in realtà l’avevano pure apprezzato. Il tentativo del Marcuzzo sarebbe quello di spiegarsi meglio, ma la conclusione è l’ennesimo merdone pestato. Alla fine di questa bagarre Riccardo conclude che i giudici non gli piacciono. Una sensazione a pelle, non vi sono motivazioni razionali, non proprio. Non si trova d’accordo con loro manco quando gli dicono bravo: Ambra ed Eleonora si scaldano mentre Ermal Meta comincia ad apprezzarne l’autismo latente. Ermal chiosa che il problema di Riki è non saper gestire le sue emozioni e riversarle in rabbia. Riccardo, che vocalmente è pure migliorato davvero, si esibisce piuttosto male: nonostante la polemica sul nulla e la brutta esibizione prende il punto convincendo tutti grazie all’emozione messaci (a primo acchito la medesima che vi mette cantando diverso o perdo le parole, rendendo partecipe il pubblico della sua immedesimazione tramite gestualità convulsa e l’incessante tremolio della mano sinistra).

Il pongoregolamento è cambiato: e  se nelle scorse settimane avevamo assistito a giudici e presentatrice aizzare i ragazzi e convincerli ad esprimere il loro pensiero, anche quando contro la redazione o i loro vocal coach, questa volta, ciò non è più permesso (o quanto meno, viene mal visto, non  solo dall’interezza del pubblico della differita ma anche dalla gente presente in studio).

Federica Carta, attirandosi, se possibile, ancor più antipatie di quante già non ne abbia collezionate sino a questo momento, si lamenta per non aver preso il punto contro la sua amica Shady. Cioè, Federica  afferma che vorebbe, anziché sentire Liotti assonnato dire bianchi o blu, sapere la motivazioni per cui i giurati votino in uno o l’altro modo. Ne risulta quanto sopra, dunque diventa subito verità. Federica, a livello canoro (nonostante l’innovativa trovata del duetto canto-ballo senza ospite speciale) resta in stasi: il carisma le manca, e le sue performance sono più lagnose che emozionanti.

Andreas Müller dall’essere il ballerino più bravo del mondo non compreso solo da Garrison, diviene uno dei meno dotati che il programma abbia mai visto: dalla padella alla brace, da super espressivo (capace di catturare l’attenzione di Ermal  Ambra ed Eleonora Abbagnato sol stando in mutande) si trasforma in un incapace totale. Personalmente trovo Andreas sopravvalutato sin dallo scorso anno, ma non mi sembra d’aver visto alcuna differenza fra l’Andreas fenomeno e l’Andreas incapace che il pongo vorebbe propinarci ora.

Lo stesso discorso, anche se al contrario, vale per Sebastian. Certo, il giovane Melo Taveira non è mai stato particolarmente criticato: nè in fase pre serale nè ora, passando, da sempre, come il bravo che non si lamenta mai (motivo per cui sono in molti a vedere in lui il palese vincitore del circuito danza). Comunque vada, è la trasformazione improvvisa in Roberto Bolle e idolo della danza (capace di commuovere anche i sassi), a far sorridere non poco.

Mike Bird s’esibisce parecchio, s’accaparra pure il duetto con Emma che gli fa fare una gran figura agli occhi del pubblico (meno agli occhi di chi, da sempre, ama Lou Reed). Ciò nonostante continua ad essere percepito il suo eterno oscuramento. La guerra civile bianca fra le fazioni pro Thomas e pro Mike continua, ed ha raggiunto livelli esasperanti. Probabilmente, sia da una parte che dall’altra, le telespettatrici sono consapevoli che non vedremo entrambi in finale, e temeno che il rivale rubi il posto designato ai cantati bianchi al loro preferito.

amici 16 6 serale

Il ballottaggio a otto permette un po’ a tutti d’eseguire il loro cavallo di battaglia, ragion per cui, c’assicura Mery, i nostri baldi e talentuosi (?) giovinotti si sarebbero dimostrati assai contenti di questo repentino cambio di regolamento.

Federica Carta, che un po’ aveva cominciato a starmi simpatica solo per la generale antipatia nutrita dal mondo nei suoi confronti (vista assai più raccomandata di altri nonostante la raccomandazione l’abbiano tutti), con la sua versione di Tiziano Ferro ammorba la mia anima più di prima, riguadagnandosi così lo scaffale di amiciane anonime di cui dimenticherò l’esistenza fino a nuova partecipazione a trasmissione mediaset a caso.

Shady rovina un capolavoro di Faber, ossia “un giudice”, cantandolo a cappella e male.

L’eliminato è ovviamente Cosimo, che già l’ha scampata troppe volte per potercela fare ancora, e io non so bene con che coraggio guarderò l’indovina giudice senza di lui.

ANTICIPAZIONI SPOILER SUL SETTIMO SERALE DI AMICI 16

Come previsto la prossima eliminata sarà Shady.

La finale ballo, come sempre, si giocehrà durante la semifinale e, nel frattempo, saluteremo ancora uno fra i cantanti bianchi.

Advertisements


Categories: Amici 16, Amici di Maria De Filippi, Emma Marrone, Il serale, Ironico, Maria de Filippi, Talent Show, Televisione, Trash

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: